La Sagoma di Daniela Carmosino

Acquista La Sagoma

di Daniela Carmosino (illustrazioni a cura dell’Autrice)

La favola, quella che si distingue per le carinerie stereotipate e l’happy end del genere, stavolta non può che essere a contraggenio e quindi materiarsi e tingersi di crudeltà; e infatti Celeste, seguita in alcuni momenti apicali dei primi suoi anni di vita, si muove in una famiglia di mostri – beninteso i mostri piccoli piccoli e inconsapevoli di una quotidianità comune e diffusa: sagome di mostri. […] Nondimeno Daniela Carmosino conosce bene e spende al meglio il talento della leggerezza; e se la sua scrittura, come struccata, reca le evidenze cosali e ponderali di fatti, pure si praticano abili manovre di alleggerimento che conferiscono lucentezza e fascino alla struttura del linguaggio. 

dall’Introduzione di Marcello Carlino

Va evidenziato come la sagoma di Celeste si stagli come un’ombra su tutta la sua vita, sagoma come sinonimo di ‘divertente e carina’ quando compiace, ma sagoma anche come tela bianca sulla quale proiettare desideri, frustrazioni, sottili vendette e incomprensioni da parte della famiglia, indifferenziata materia viva, pronta a essere plasmata, manipolata e definitivamente ingannata da chiunque.

dalla Postfazione di Enrico Iraso

Tu la parola sagoma non la conosci, / ma quel giorno la impari: / una sagoma tutti la guardano, / tutti l’ascoltano, anche la mamma, / sorride con gli occhi azzurrissimi / persino la nonna. / Una sagoma fa felici tutti.

Daniela Carmosino è nata e vive a Roma. Insegna Critica letteraria e Letterature comparate presso l’Università della Campania “L. Vanvitelli”. Autrice di saggi critici e di racconti, studia da anni gli effetti del linguaggio sullo sviluppo della personalità e sul comportamento.


Recensione sul blog “Libri Social Pub” dedicata a La Sagoma

Recensione di Livio Romano per “La sagoma”

La Sagoma, di Daniela Carmosino, è una “favola crudele”, come recita il titolo, scritta in forma di poesia narrativa che confina con la filastrocca e con l’apologo breve. Se vi piacciono le atmosfere fredde à la Larkin (contrappuntate da disegni che sembrano usciti dalla matita di David Shrigley), o le narrazioni in versi di Rodari, colorate e intense e commoventi eppur prive d’ogni retorica, e senza dire della congerie di buone cose di pessimo gusto guidogozzaniane, be’: tuffatevi in questo racconto di formazione scritto per episodi dotati di cliffhanger come le puntate di una serie tv che instillano la brama di capire come s’evolve la storia.

Vorrei dire che Celeste, la protagonista bambina, è immersa in un mondo di donne che cerca di decifrare, ma quello in cui trovo sia intenta davvero è la decodifica del mondo tout court, dotata di uno sguardo incantato e accattivante, sorpreso e già sagace e provvisto di amara ironia. L’universo che via via scopre Celeste è popolato di gente che sbevazza e diventa grassa, di zie salvifiche e zie cui chieder scusa, ragazzine di città viziate e litigiose e l’odore dell’astuccio in ottobre, quando riprende la scuola -e sì che noialtri ritornavamo in classe l’1 ottobre. Per contorno, tazzine limoges, ragazzi con la barba di Gambadilegno, cucchiaiate del confortevole e blando ansiolitico Glicerovalerovit, cappottini rossi, “Laltracasa” -anch’essa popolata di donne e da cui la ragazzina va via in un viaggio d’addio manzoniano- sempre più lontana, negletta e dimenticata perfino da Babbo Natale. Una sagoma, la personalità della protagonista, nel cui perimetro vien facile reperire inquietudini e sorprese e strategie di difesa sempre più sofisticate che appartengono al trascorso di tutti noi lettori.

Recensione a cura di Francesco Riccio per “Siena News”, sezione Fiction & Libri

Commento a cura di Matilde Civitillo

All’una e sette minuti, quando ho finito di leggere, ero ricolma di emozioni molto forti.

Ero piena di immagini incredibilmente potenti, come quella della pagina-capolavoro in cui, al suono del jingle delle Fiabe sonore (quante volte l’ho sentito da piccola!) zia Elsa smantella l’armadio e la vita di Celeste, che immagino gridare ancora più disperata per far sentire la sua supplica al di sopra di quella musica, così tragicamente dissonante con quel momento violentissimo.

E poi le scarpette di Celeste, quelle coi buchi, quelle di vernice lucida e rigida, quelle sportive, che così è più libera; e il modo in cui le fa dondolare, quasi per entrare (e questa è la mia immaginazione che interviene) in una sorta di trance: è come se quel dondolio creasse un cerchio magico all’interno del quale sparire, sentendosi protetta dal fatto che nessuno la può vedere e quindi chiederle niente.

E poi quelle mani sulle orecchie, quella macchia di non detto e di non chiesto che diventa viscosa, sulla sagoma di Celeste, come sulla copertina del libro e ne fa un personaggio potente, indimenticabile, che suscita un’empatia immediata e irresistibile.

Che non potrò mai più dimenticare.

La Vecchina Brutta e Cattiva di Rita Pacilio

Acquista La Vecchina Brutta e Cattiva

di Rita Pacilio (illustrazioni di Damiana Valerio)

Padroneggiare la realtà usando la visione di un altro mondo, ci induce a riflettere sulla vita e sul linguaggio. Il bambino, per comunicare la sua interiorità, utilizza la lingua inventata, quella della fantasia, personale, intima, creativa, che costituisce il linguaggio connotativo, cioè la forma di comunicazione più necessaria e funzionale, affinché possa rielaborare stimoli percepiti per trasmetterli accuratamente al mondo intero. Attraverso la lettura delle storie, impara a decodificare l’oggettività della realtà esteriore e a stabilire la funzione principale e primaria dell’equilibrio tra l’intimo e l’esterno. L’attività creativa della lettura e del disegno permettono al bambino di semplificare le proprie impressioni del mondo circostante denominando le cose intorno, identificandole, sistematizzando le proprie impressioni attraverso un processo di interiorizzazione del regno delle immagini e traducendo tutto il dominio dei nomi con il grande strumento delle proprie emozioni.

Dall’introduzione di Rita Pacilio


Prezzo di copertina: euro 10,00

Pagine: 16

Codice Isbn: 9788885781238


Traduzione di La Vecchina Brutta e Cattiva di Rita Pacilio

 

Rita Pacilio (Benevento 1963) è poeta, scrittrice, collaboratrice editoriale, sociologa, mediatrice familiare, si occupa di poesia, di critica letteraria, di metateatro, di letteratura per l’infanzia e di vocal jazz. Curatrice di lavori antologici, editing, lettura/valutazione testi poetici e brevi saggi, dirige per La Vita Felice la sezione ‘Opera prima’. Direttrice del marchio Editoriale RPlibri è Presidente dell’Associazione Arte e Saperi. Ha ideato e coordina il Festival della Poesia nella Cortesia di San Giorgio del Sannio. Sue recenti pubblicazioni di poesia: Gli imperfetti sono gente bizzarra (La Vita Felice 2012) traduzione in francese Les imparfaits sont des gens bizarres, (L’Harmattan, 2016 Traduction en français par Giovanni Dotoli et Françoise Lenoir) e per Uet Tunisi la traduzione in lingua araba (a cura del Prof. Othman Ben Taleb), Quel grido raggrumato (La Vita Felice 2014), Il suono per obbedienza – poesie sul jazz (Marco Saya Edizioni 2015), Prima di andare (La Vita Felice, 2016). Per la narrativa: Non camminare scalzo (Edilet Edilazio Letteraria 2011). La principessa con i baffi (Scuderi Edizioni 2015) è la sua fiaba per bambini. È stata tradotta in greco, in romeno, in francese, in arabo, in inglese, in spagnolo, in catalano, in napoletano. A marzo 2018 la pubblicazione dei racconti in prosa poetica: ‘L’amore casomai’.

La Meraviglia di AA.VV., a cura di Francesco Iannone

Acquista La Meraviglia 

di AA.VV., a cura di Francesco Iannone

La meraviglia è la fiamma in cima alla quale splendono gli sguardi dei vivi. Non degli esseri viventi, ma dei vivi, ossia di coloro che vibrano di fronte al reale. E cosa siamo se non dei cammellieri che vagano fra le arsure del deserto in cerca di un sorso d’acqua capace di calmarci la sete? Ed ecco che a soccorrerci giungono le arti, la bellezza, la parola. Per questo motivo ho proposto agli alunni della 1^ media dell’Istituto Maria Ausiliatrice (Vomero, Napoli) di addestrare la parola al proprio sentire interiore applicando gli strumenti del silenzio e dell’osservazione.

Scavare la realtà per ritrovare porzioni nuove di se stessi. Raschiare l’incrosto dai muri del sé per restituire candore alla superficie. E non è un caso se la spericolata esperienza laboratoriale a cui si sono sottoposti i ragazzi ha partorito frammenti poetici di convincente bellezza. Al di là del valore letterario dei testi, che pure è talvolta rintracciabile, ciò che stupisce di queste giovani menti è la serietà a cui la parola li ha costretti: ci parlano, infatti, di vita, amore, amicizia, abbandono, morte con una maturità inaspettata. Ecco che la scuola diventa occasione di conoscenza delle proprie profondità, indagine dei propri abissi, e questo grazie alla sensibilità  di Suor Gina San Filippo, direttrice dell’Istituto, e Suor Anna Rita Cristiano, coordinatrice delle attività educative e didattiche, che sempre incoraggiano, insieme alle più canoniche pratiche didattiche, forme di espressione alternative che capovolgono la prospettiva: sono, infatti, i ragazzi a essere gli artefici assoluti di ciò che producono. […]

Dalla introduzione di Francesco Iannone

Autori dei testi e del disegno di copertina:

Veronica Bart

Mirea Bellomunno

Angelo Capuozzo

Giosuè Bozzelli

Aurora Corvino

Lorena Dama

Camilla Del Gaudio

Domenico De Michele

Sabrina Esposito

Ester de Falco Giannone

Francesco Falconetti

Alessia Fernando

Laura Fioretto

Ginevra Jannon

Edda Liberti

Mirko Lucioli

Davide Manzoeto

Jasal Milrad

Davide Orecchio

Matteo Soldano

Gaetano Solli

Chiara Vitale

Curatore

Francesco Iannone

 

Grafica immagine di copertina

Francesco Sivo

 

Francesco Iannone è nato a Salerno nel 1985. Suoi testi e interventi sono stati pubblicati in diverse riviste, in Italia e all’estero: Italian Poetry Review (Università della Colombia), Gradiva (Università di New York), Semicerchio (Università di Firenze) e altre. È stato tradotto in spagnolo e in georgiano. Nel 2018 ha partecipato in Georgia al Festival Internazionale di poesia di Tbilisi. Collabora saltuariamente con la rivista Atelier. Ha pubblicato le raccolte di poesia Poesie della fame e della sete (Ladolfi, 2011), Pietra lavica (Aragno, 2016) e il romanzo Arruina (Il Saggiatore, 2019).


Prezzo di copertina: euro 10,00

Pagine: 40

Codice Isbn:  9788885781191


Traduzione di “La Meraviglia” in lingua romena

Così consapevole e composto, nell’amore del Due, quello di Giojelli; pieno di mevaviglia nascente, quella stessa meraviglia che accomuna gli occhi aperti per la prima volta sul mondo di un bambino e gli occhi aperti ogni-volta-la-prima-volta sul mondo del vero poeta! Antica somiglianza, ma sempre forte… e Iannone sa dove guardare.

Carlo Di Legge

Educhiamo all’espressività!

di Carlo Di Legge 

(rivolgendosi a Rita Pacilio, autrice del testo recensito, “La Favola dell’Abete“)

… Trovo che sia occupazione degna occuparsi dell’infanzia, o della fanciullezza . Ho letto e riletto la tua favola di Natale. Parte da una situazione un po’ triste e giunge alla pienezza della gioia, dunque è un messaggio ottimista quello che vuoi mandare: bene così, siamo anche troppo oppressi dalla tristezza dei giovani e giovanissimi poeti contemporanei! E così, almeno ai bambini, vogliamo far passare un bel messaggio!

Le cose finiscono bene. Illustri precedenti come quello di Dickens o come le favole e le fiabe buone lasciano il varco alla speranza.

Dunque sono contento che tu abbia tentato un’operazione del genere, che d’altro canto non è la tua prima: ci voleva, non saranno mai abbastanza!

Ho apprezzato che tu non abbia ingolfato le pagine di scrittura. Si tratterà di una lettura di un adulto a un bambino, che non lo annoierà se eseguita a dovere, cioè espressivamente; oppure della lettura di un bambino principiante della lettura, che non verrà scoraggiato alla vista delle minacciose nubi di parola. Ho apprezzato gli spazi non meno delle righe di scrittura.

Le illustrazioni paiono assai essenziali, scevre da seduttività o sentimentalismi fuori luogo, bianco e nero, a colori solo la copertina. Ma, certo, il bambino stesso può colorarle! Comunque le figure, proprio perché sono poco appariscenti e scarne ma impegnano larghi spazi, a mio parere lasciano lavorare l’immaginazione, e anche, perché no, la mano e l’occhio, e anche questo va come deve, o si spera.

Inoltre, ed è molto importante, si tratta di un lavoro propedeutico alla poesia, con quelle rime che compaiono d’improvviso, ammiccanti:  feste-resta, stelline-lucine-palline, allegria-fantasia, festa-lesta (o anche, perché no, Natale-cantare…), Natale-fatale, sorriso-Paradiso e così via; musicalità e ritmi interni che preparano l’orecchio – faccio io le scansioni di linea: (“Care stelline/dai raggi luminosi/fate che io possa,/anche quest’anno, /donare ai bambini/del mio paese/tanta allegria, /sorrisi e fantasia”; oppure: nella stessa pagina, “Iniziò una gran festa/in maniera lesta lesta!”, ecc.): questo è un protrettico alla poesia, direbbe il filosofo, e non solo una lettura leggera e godibile.

Educhiamo l’espressività!

Mi piace, cara Rita, tante belle scritture, anche così!

Un abbraccio.

 

 

La Favola dell’Abete di Rita Pacilio

Acquista La Favola dell’Abete

di Rita Pacilio

Illustrazioni di Luigi Luca Pacelli

… l’Albero sconsolato si rivolse al cielo ed espresse un desiderio: Care stelline dai raggi luminosi fate che io possa, anche quest’anno, donare ai bambini del mio paese tanta allegria, sorrisi e fantasia!

Rita Pacilio (Benevento 1963) è poeta, scrittrice, collaboratrice editoriale, sociologa, mediatrice familiare, si occupa di poesia, di critica letteraria, di metateatro, di letteratura per l’infanzia e di vocal jazz. Curatrice di lavori antologici, editing, lettura/valutazione testi poetici e brevi saggi, dirige per La Vita Felice la sezione ‘Opera prima’. Direttrice del marchio Editoriale RPlibri è Presidente dell’Associazione Arte e Saperi. Ha ideato e coordina il Festival della Poesia nella Cortesia di San Giorgio del Sannio. Sue recenti pubblicazioni di poesia: Gli imperfetti sono gente bizzarra (La Vita Felice 2012) risultato vincitore di numerosi Premi, tra cui Laurentum 2013, è stato tradotto in francese Les imparfaits sont des gens bizarres, (L’Harmattan, 2016 Traduction en français par Giovanni Dotoli et Françoise Lenoir) e per Uet Tunisi la traduzione in lingua araba (a cura del Prof. Othman Ben Taleb), Quel grido raggrumato (La Vita Felice 2014), Il suono per obbedienza – poesie sul jazz (Marco Saya Edizioni 2015), Prima di andare (La Vita Felice, 2016). Per la narrativa: Non camminare scalzo (Edilet Edilazio Letteraria, 2011). La principessa con i baffi (Scuderi Edizioni, 2015) è la sua fiaba per bambini; Cantami una filastrocca è un quaderno operativo per la Scuola dell’Infanzia (RPlibri, 2018) e ‘La favola dell’Abete’ la sua storia per la magia del Natale. È stata tradotta in greco, in romeno, in francese, in arabo, in inglese, in spagnolo, in catalano, in napoletano. A marzo 2018 la pubblicazione dei racconti in prosa poetica: ‘L’amore casomai’ (LVF).


Prezzo di copertina euro 7,00
Pag. 24
Codice ISBN 9788885781146


24 Novembre 2019 – La nostra autrice ed editrice Rita Pacilio parteciperà all’evento “Dipingiamo la Favola”, organizzato dal Laboratorio della Creatività dei Bambini di Lioni (AV): il libro protagonista sarà La Favola dell’Abete

eventoabete