Bruno Vallepiano: “Trappola per lupi” (Golem Edizioni, 2020)

di Francesco Improta (2020)

Sta per arrivare in libreria Trappola per i lupi (Golem edizioni, euro 13,90) l’ultimo romanzo di Bruno Vallepiano, giornalista, scrittore e sce­neggiatore. La veste tipografica, propria della collana Le vespe, ricorda i famosi gialli Mondadori, ma, a ben guardare, si tratta più di un noir che di un giallo classico e più precisamente di un noir mediterraneo, in cui la bellezza del paesaggio contrasta con i crimini e i misfatti raccontati. Vallepiano, non diversamente da J. C. Izzo, B. Morchio, A. Camilleri e altri ancora, è profondamente legato alla propria terra, di cui racconta senza infingimenti, con un linguaggio crudo e diretto, splendori e miserie. Poco importa che le storie di questi ultimi siano intrise di salsedine per la presenza costante del mare e impreziosite da cieli tersi e luminosi, mentre quelle di Vallepiano si inerpicano lungo pareti rocciose, boschi di conifere e rovesci di pioggia, essendo ambientate sulle alture della provincia di Cuneo. Per alcuni aspetti (ambiente e personaggi) Bruno Vallepiano mi ha ricordato Pierre Magnan, lo scrittore di Manosque. In tutti gli scrittori di noir, inoltre, ci sono implicazioni di carattere sociologico, in quanto quel che interessa allo scrittore, al di là del crimine commesso, è il contesto in cui esso è maturato.  

In Trappola per lupi ci sono esplicite implicazioni o velate allusioni alla società in cui viviamo o in cui hanno vissuto i nostri antenati. A pagina 155 si legge testualmente:

Viviamo nell’epoca dei paradossi, Mauro… oggi abbiamo più comodità, ma sempre meno tempo per noi stessi; abbiamo aggiunto anni alla nostra vita, ma non siamo in grado di aggiungere vita ai nostri anni.

A parlare è Guido ultra-nonagenario, saggio e scapestrato, che ama condire i suoi discorsi con riflessioni antropologiche e morali. E sarà proprio Guido, che si definisce un treno a fine corsa, a chiudere il sipario su questa storia con alcune considerazioni tanto lucide quanto amare sul tempo che passa, sull’abbandono dei paesi di montagna o di campagna, sulla bellezza che sfiorisce e sul crollo degli ideali, palazzi d’oro costruiti sulla sabbia. Mauro, il suo interlocutore, è il protagonista del romanzo, nonché io narrante, personaggio noto ai lettori di Vallepiano, in quanto è alla sua quinta indagine investigativa. Ma procediamo con ordine.

Mauro Bignami, professore di Storia e Filosofia, in un liceo di Mondovì, torna a Gariola, paese della Provincia Granda, dalle vacanze in Croazia in compagnia della moglie Cecilia e del figlioletto Idris e non essendo ancora disponibile, per lavori in corso, la propria abitazione si sistema nel B&B di Paolo e Clotilde. Qui conosce tre americani i cui antenati, contadini originari di Gariola, erano emigrati in America del Sud e tre giovani tedeschi. Contemporaneamente a Washington su un campo da golf viene ucciso con un fucile di precisione un caddy e le indagini vengono affidate a un detective di nome Arvin, dall’aspetto ruvido e scostante, trasandato nell’abbigliamento, sempre stazzonato, non diversamente dal tenente Colombo. Apparentemente le due storie, narrate con montaggio parallelo e con una diversa angolazione, omodiegetica la prima ed eterodiegetica la seconda, sembrano non aver nulla in comune finché il ritrovamento casuale di una ragazza rimasta intrappolata con una gamba in un’enorme tagliola per lupi, lascia intravedere nuove piste su cui per la sua innata curiosità e per un non comune senso di giustizia si inoltrerà Mauro Bignami. Sono sicuro che il cognome del detective dilettante faccia sorridere tutti quegli studenti che in prossimità di un esame, non avendo alle spalle un’adeguata preparazione, si siano tuffati su compendi di Letteratura, di Storia o di Filosofia.

Non racconteremo certo gli sviluppi né tantomeno la conclusione della vicenda – sarebbe per l’autore e soprattutto per i lettori un crimine imperdonabile – ci limiteremo, quindi, ad alcune considerazioni a mio avviso molto significative.

Innanzitutto nel romanzo accanto a considerazioni di carattere socioeconomico – penso alla povertà dei contadini, al notevole ritardo con cui è stato riconosciuto loro il diritto alla pensione, al fenomeno delle migrazioni nella speranza di trovare un futuro migliore o quanto meno un’occasione di lavoro – ci sono anche precisi riferimenti storici e politici. Si parla, infatti, del colpo di Stato del generale Pinochet in Cile nel 1973 e delle tante efferatezze perpetrate da funzionari e militari ai suoi ordini, mi riferisco in particolare a Sergio Arellano Stark, uno dei più crudeli e sanguinari aguzzini del regime di Pinochet. Alla stessa stregua vengono stigmatizzate le “sporche” manovre dell’Intelligence (CIA) per screditare il nemico sia nella guerra del Golfo che in Afganistan e per legittimare la strombazzata propaganda degli USA di esportare la democrazia nel mondo. Si rilevano anche legittime rivendicazioni animaliste nei confronti di bracconieri, privi di scrupoli, che disseminano il terreno di trappole e tagliole, contribuendo alla decimazione di animali in via di estinzione.

Né si possono dimenticare le tante figure femminili, tutte belle e affascinanti, talune segnate dalla malattia, come Clo, la moglie di Paolo che combatte contro il cancro, una bestia più pericolosa di un lupo famelico, altre che non perdono occasione per esercitare il loro potere seduttivo senza ottenere comunque risultati concreti, è il caso di Netty che fino all’ultimo cerca di sedurre Mauro. A ben guardare queste hanno nell’economia del romanzo una funzione prevalentemente esornativa, mentre l’escort russa, l’avvocato, moglie del caddy ucciso sul green di Washington e la ragazza vittima della tagliola hanno un ruolo più importante e decisivo nella vicenda, come si scoprirà successivamente.

Tutte le implicazioni di carattere sociale, politico ed economico cui abbiamo accennato non inficiano, però, il plot narrativo, ricco di colpi di scena e di depistaggi, che ha un ritmo agile e incalzante, ed è sorretto da dialoghi frizzanti e allusivi e da alcune belle, intense ed efficaci descrizioni come quella dell’acquazzone e l’ultima che ripropongo nella sua interezza:

Gli alberi che rivestivano il versante della montagna di fronte avevano assunto le colorazioni autunnali; i ciliegi selvatici erano esplosi con le loro chiome rosse ed erano un urlo in mezzo a una tavolozza che variava dal giallo acceso al verde cupo, fino all’ocra. Il bosco era in un momento di sontuoso splendore. Uno spettacolo fugace da cogliere al volo; sarebbe bastata una giornata di pioggia per trasformare ogni cosa e sospingere il marrone e il verde opaco verso la conquista dell’intero scenario, il rosso sarebbe svanito spegnendosi anch’esso verso la fase ultima, prima del risolutivo denudarsi degli alberi.

Un’orgia di colori degna di un pittore impressionista.