Antica Terra di Grano di Rita Iacovella

Acquista Antica Terra di Grano

di Rita Iacovella

Terra mia

Nella dolce valle ti adagi

piccolo paese di montagna,

respiri aria di boschi

profumo di viole,

e quando a sera

ti bacia il crepuscolo,

tra carezze di vento

ti addormenti.

… E sogni …

Sogni una fata

dalle lunghe trecce

che alla vecchia fontana

attinge l’acqua

e danza tra le aiuole

del giardino;

di fiore in fiore

la sua mano posa

e tu come per incanto

ti svegli al mattino

fra tanti fiori,

canti di uccelli,

voci di bimbi.

E io che vivo di te,

antica terra di grano,

di grappoli d’uva,

terra mia,

voglio sognar con te

e tra folti oliveti

addormentarmi.

Notizie bibliografiche:

Rita Iacovella nasce a Casalduni (Benevento) il 23 settembre del 1924. Termina gli studi molto presto completando solo la IV elementare. Purtroppo, le condizioni di povertà familiare la inducono a lasciare la scuola per lavorare nei campi al fine di contribuire al mantenimento della famiglia essendo la secondogenita di sei figli. Giovane sposa e madre premurosa, vive per alcuni anni felicemente nel calore della sua famiglia, ma un destino avverso le si accanisce contro, prima portandole via il figlioletto gravemente malato, poi, pochi anni dopo, il marito amato. Questi eventi lasciano un segno profondo nel suo animo e la sofferenza trova nella poesia lo spazio espressivo in grado di dare conforto e voce ai sentimenti più intimi e celati. Il senso del tempo e degli affetti amati e perduti, l’attaccamento alle radici familiari e della propria terra, la rinuncia completa a ogni forma di prevaricazione dell’individuo, la speranza di una felicità intrisa di fede e proiettata oltre ogni barriera spazio/temporale sono le tematiche dei suoi innumerevoli scritti. Nel corso degli anni numerose sue liriche hanno trovato riscontro positivo in svariati concorsi e manifestazioni poetiche locali e nazionali.

Per me, semplicemente il faro del mio cammino.

Grazie, mamma. Plaquette dedicata ad Antonio.

Rito Mazzarelli


Prezzo copertina: euro 10,00 9,50

Pagine: 24

Codice ISBN: 9788885781368

Pensieri di Rinascita di Felice Casucci

Acquista Pensieri di Rinascita

di Felice Casucci

A scuola ci fecero leggere un libro di Remarque, “Niente di nuovo sul fronte occidentale”. Non sapevo che quel libro sarebbe stato profetico. Dal nostro fronte, che ha costruito molte guerre, al servizio di altrettanti interessi, si è pasciuta una pandemia che il grado di evoluzione sociale non ha contenuto ma ha diffuso. Forse per la presunzione che tutto fosse sotto controllo o che del controllo si potesse fare a meno. La storia è breve. Finisce con il disorientamento. E quando una storia finisce tanto vale cominciare un’altra. 

Felice Casucci

  • Anche quest’anno i bravi ragazzi della primavera arrivano puntuali e si mettono a suonare.
  • Bisogna mettere addosso l’armatura dell’amore e combattere fino all’ultimo momento, pensando che ci siamo preparati tutta la vita per affrontare questo momento.
  • Ogni giorno una goccia. Il mare ne è pieno.

Prezzo copertina: euro 10.00 9,50

Pagine: 16

Codice ISBN: 9788885781337

Quaderni di Poesia

Di cosa si tratta?

Uno spazio dedicato ad aforismi, dieci poesie, pensieri che in pochissime pagine spillate, proprio come un quaderno, può rappresentare un gioiello da collezionare o regalare in ogni occasione. La nostra carta sarà sempre pregiatissima e avoriata e il risultato sarà un vero e proprio quadernetto poetico, leggero ed elegantissimo. Una nuova soluzione per chi ambisce ad un importante lavoro editoriale.

Antica Terra di Grano di Rita Iacovella

Nella dolce valle ti adagi

piccolo paese di montagna,

respiri aria di boschi

profumo di viole,

e quando a sera

ti bacia il crepuscolo,

tra carezze di vento

ti addormenti […]

VAI ALLA SCHEDA COMPLETA


Pensieri di Rinascita di Felice Casucci

A scuola ci fecero leggere un libro di Remarque, “Niente di nuovo sul fronte occidentale”. Non sapevo che quel libro sarebbe stato profetico. Dal nostro fronte, che ha costruito molte guerre, al servizio di altrettanti interessi, si è pasciuta una pandemia che il grado di evoluzione sociale non ha contenuto ma ha diffuso. Forse per la presunzione che tutto fosse sotto controllo o che del controllo si potesse fare a meno. La storia è breve. Finisce con il disorientamento. E quando una storia finisce tanto vale cominciare un’altra. 

Felice Casucci

VAI ALLA SCHEDA COMPLETA